Luci ed ombre fra Julius Evola e RenÚ GuÚnon (Fulvio Mocco)

  in quiete
Il Sito di Gianfranco Bertagni

 

"La conoscenza di Dio non si pu˛ ottenere cercandola; tuttavia solo coloro che la cercano la trovano"
(Bayazid al-Bistami)

"Chi non cerca Ŕ addormentato, chi cerca Ŕ un accattone"
(Yun Men)

  home page   cerca nel sito   iscrizione newsletter   email   aggiungi ai preferiti   stampa questa pagina    
 

 

  SU DI ME
 Vita       
 Pubblicazioni

 Corsi, seminari, conferenze

 Prossimi eventi
 
  DISCIPLINE
 Filosofia antica       
 Mistica
 Sufismo
 Taoismo
 Vedanta              
 Buddhismo              
 Zen
 Filosofia Comparata
 Musica / Mistica
 Filosofia Critica
 Meditazione
 Alchimia
 PsichÚ
 Tantrismo
 Varia
 
  AUTORI
 Mircea Eliade       
 Raimon Panikkar
 S.Weil e C.Campo
 RenÚ GuÚnon, ecc.
 ElÚmire Zolla     
 G.I.Gurdjieff  
 Jiddu Krishnamurti
 Rudolf Steiner
 P. C. Bori       
 Silvano Agosti
 Alcuni maestri



Luci ed ombre fra Julius Evola e RenÚ GuÚnon (Fulvio Mocco)


 

RenÚ GuÚnon e Julius Evola rappresentano due scelte o vie della Tradizione, quella contemplativa e dottrinale di fronte alla regale o dell'azione. L'opera del primo (AutoritÚ spirituelle et pouvoir temporel, Vrin, Paris 1929) considera vi sia stata nel mondo ariano originario una ribellione della casta guerriera o Kshatriya nei confronti di quella sacerdotale o Brahmana, con un tentativo di sopravanzarne il potere spirituale.

GuÚnon scrive che dopo la dinastia Maurya di Chandragupta e poi di suo nipote Ashoka

"Gli Kshatriya si trovarono privati del potere che fino ad allora era loro appartenuto legittimamente, ma di cui avevano per cosý dire, distrutto da se stessi la legittimitÓ" (ibid.).

Nell' edizione originale di Le Roi du monde (Bosse, Paris 1927) c'era persino un periodo, poi eliminato nell'edizione successiva del 1950, in cui si accusava il Buddha di aver progettato la ribellione degli Kshatriya, facendo anche notare l'incompatibilitÓ della sua funzione di illuminato con quella di monarca universale, che lo avrebbe obbligato ad una scelta; con questa curiosa frase conclusiva:

"D'altronde, Ŕ permesso pensare che questa fu tutt'altro che una scelta volontaria, perchÚ ci˛ che ci mostra il buddismo in realtÓ non sembra altro che ci˛ che viene indicato sia da Saint-Yves che da M. Ossendowski: cioŔ che Shakya-Muni, quando ha progettato la rivolta contro il bramanesimo, avrebbe visto le porte dell'Agarttha chiudersi davanti a lui".

Evidentemente, GuÚnon condivideva l'idea evangelica di dare a Cesare quel che Ŕ di Cesare e a Dio quel che Ŕ di Dioůdi separare Art¨ da Merlino.

La risposta di Evola a queste ipotesi era stata che:

"Il conflitto fra le due caste, lungi dal ridursi sempre ad una ribellione del potere temporale all'autoritÓ spirituale, cela il conflitto di due tradizioni spirituali: di quelle che i nostri lettori sanno giÓ riferire al principio nordico-uranio e demetrico-meridionale" ("AutoritÓ spirituale e potere temporale" in "Krur" 1929).

Evola va ancora pi¨ in lÓ, definendo le due vie come orientale e occidentale. Anche per ci˛ che riguarda l'Ars Regia, ermetismo o alchimia, per Evola si tratta della scienza tradizionale tipicamente Kshatriya, mentre per GuÚnon si tratta solo di una cosmologia.

Soffermandoci sui rapporti personali fra i due, si nota che all'inizio GuÚnon sembrava avere parecchia diffidenza per le idee e la persona di Evola. Nella corrispondenza con De Giorgio, il 15 agosto 1927, il Francese scrive:

"Lo credo intelligente, ma pieno di pregiudizi di ogni genere; d'altra parte ritengo che ambisca ad una posizione universitaria e questo lo pu˛ imbarazzare da numerosi punti di vista"(cfr. Pierre Feydel, "Aperšus historiques touchant Ó la fonction de RenÚ GuÚnon, ArchŔ, Milano 2003).

Al contrario, noi sappiamo che Evola rifiut˛ all'ultimo momento la laurea, proprio per dimostrare il suo disprezzo per i titoli, l'accademia, e gli intellettuali. Ancora su Evola Ŕ questo giudizio scritto da GuÚnon sempre a De Giorgio: "Deve essere molto vanitoso" (ibidem), criticando anche la sua competenza sul tantrismo, visto in modo, secondo lui, deformato dalla simpatia per la filosofia tedesca. In seguito criticherÓ anche i suoi commenti al Tao-tŕ-ching, fatti solo sulla versione tedesca, cioŔ senza conoscere la lingua cineseůma se la biblioteca nazionale di Taiwan, a quel che mi riferiscono, negli anni 90 aveva incorporato diverse copie del testo tedesco di Richard Wilhelm, vuol dire che la sua traduzione non era affatto discutibile. Oltre tutto, non pare che GuÚnon conoscesse il Tedesco, per valutare obiettivamente.

Con gli anni, tuttavia, i rapporti fra i due si sono riequilibrati. GuÚnon rilesse le bozze di Rivolta contro il mondo moderno (Hoepli, Milano 1934), ed Ŕ probabile che certi apprezzamenti per lo jihad da parte d' Evola siano stati stimolati proprio dal Francese. Peraltro, non sembra che Evola abbia mai visitato un paese mussulmano moderno, dove la guerra santa del petrolio sembra la principale preoccupazione dell'aristocrazia araba.

Sappiamo fra l'altro che per GuÚnon l'unica speranza per l'Occidente di restare tradizionale, e per un individuo l'unico modo di avere una reale iniziazione (in special modo per le donne), fosse nella conversione all'Islam, in quanto la massoneria dava una iniziazione prevalentemente virtuale e il cattolicesimo provvedeva solo alla "salvezza", non alla "liberazione".

Da Jean Reyor (vero nome Marcel Clavelle) sappiamo poi che Schuon, ovviamente molto prima di urtarsi con GuÚnon stesso, per questioni di trasmissione o tariqa, dichiar˛:

"Sono moqaddem (procuratore o delegato). Bisogna islamizzare l'Europa"

, suscitando ampia approvazione da parte del metafisico francese, almeno a quanto riferisce Reyor. Schuon si era persino lasciato andare a questa frase:

"L'uso della forza Ŕ possibile in vista dell'affermazione e della diffusione di una veritÓ vitale? Non vi Ŕ dubbio che si debba rispondere in modo affermativo, perchÚ l'esperienza ci dimostra che spesso Ŕ necessario fare violenza agli irresponsabili per il loro stesso interesse" ("Comprendre l'Islam", Seuil, Paris 1976).

Lo stesso Reyor, sui rapporti fra GuÚnon e la massoneria, criticata in certi suoi aspetti, ma difesa in generale, si esprime pessimisticamente:

"Come si poteva sperare di condurre un lavoro serio, sia in una loggia d'obbedienza, di cui la maggior parte dei membri erano fuori da ogni esoterismo, sia in una loggia selvaggia, di cui certi membri erano mussulmani, altri cattolici incompleti o fraudolenti (intendo con ci˛ quelli che ricevevano i sacramenti senza avere confessato la loro qualitÓ di massoni) e di cui uno era calvinista?" (M. Clavelle: Alcuni ricordi su R. GuÚnon, L'Arcano, Roma 2007).

Qui si inserisce il fatto che Schuon considerasse il battesimo un' iniziazione, allo scopo strategico di accogliere cristiani e mussulmani sotto lo stesso "perennialismo", tollerando persino che certi suoi discepoli lo considerassero il nuovo Cristo. A quel punto, per usare le parole di Reyor, "GuÚnon esplose". Ricordiamo che il termine Philosophia Perennis, di cui Schuon si Ŕ poi fatto portavoce, risale ai teologi agostiniani del Rinascimento, anche se c'era qualche vago precedente nella scolastica medioevale, e secondo Coomaraswamy tradurrebbe il sanscrito 'Sanatana Dharma', mentre GuÚnon aveva disapprovato la parola Philosophia, da sostituire con Sophia.

Ritornando ad Evola, notiamo poi che nel 1955 il citato articolo di Evola su Krur, che recensiva AutoritÓ spirituale e potere temporale del GuÚnon, fu riscritto con diverse varianti (ora nella edizione Melita di Ur-Krur) con le critiche alle idee del Francese e alla Chiesa cattolica, piuttosto stemperate.

Naturalmente, c'erano stati altri punti di divergenza fra i due. L'apprezzamento di GuÚnon per la massoneria e il compagnonaggio, considerate le uniche depositarie d'influenze intatte, non era troppo condivisa dall'Italiano, che rimproverava alla prima l'influsso negativo sull'illuminismo, l'enciclopedismo, e la rivoluzione francese, almeno a partire dalla sua fase speculativa o scozzese. Viceversa GuÚnon, che pure non ha risparmiato critiche sulla degenerazione massonica, non riusciva a capire come Evola potesse misconoscere l'apparato simbolico di cui la massoneria stessa era portatrice.

Inoltre, anche il buddhismo era considerato da GuÚnon una deviazione dalla vera Tradizione, fin troppo sentimentale; solo l'influenza di Coomaraswamy e di Marcos Pallis smuss˛ le idee del Francese, che nelle successive ristampe di certe opere depenn˛ dal testo le sue ampie riserve sulla materia, come giÓ accennato.

Aveva scritto:

"Il Buddismo Ŕ meno lontano dalle concezioni occidentali perchÚ, da un punto di vista orientale, non Ŕ che un'anomalia e una deviazione" (Introduction gÚnÚral Ó l'Útude des doctrines hindoues, RiviŔre, Paris 1921)

e inoltre:

"tutto ci˛ che il Buddismo contiene d'accettabile, Ŕ stato preso dal Bramanesimo" (ibid.).

In AutoritÚ spirituelle et pouvoir temporel (2░ edizione, Vega, Paris 1947) aggiunse persino che non a caso Cristo discendeva non dalla trib¨ sacerdotale di Levi, ma da quella regale di Giuda, proprio come il buddha dalla casta regale; da qui la somiglianza "sentimentale" fra buddhismo e cristianesimo, arrivando a dire che la differenza fra bramhanesimo e buddhismo sarebbe la stessa esistente fra cattolicesimo e protestantesimo.

Il buddha Ŕ effettivamente fuggito dalla sua reggia per inoltrarsi nella foresta, per cui il buddhismo Ŕ nato in forma d'ascetismo contemplativo e non come potere regale e militante, per˛ il principe Siddharta aveva portato con sÚ in quella selva oscura il proprio stile d'origine aristocratica e guerriera, e quello era il modo di vivere la spiritualitÓ a cui farÓ riferimento Evola. Nel Dhammapada, il buddha riconosce come illuminato "Chi Ŕ signorilmente superiore a tutti, un eroe, un grande veggente, un dominatore, che spegne le fiamme della passione, purificato da ogni macchia".

Buddha aveva avuto maestri brahmani, ma non un'iniziazione burocraticamente codificata, e qui si presentano forse altre divergenze con Evola. Per il Francese, L'iniziazione Ŕ la trasmissione di una influenza spirituale fatta attraverso un'organizzazione che la conservi, e questo avverrebbe in tre fasi, una potenziale, una virtuale, ed una attuale.

Evola considera possibile che questa influenza qualcuno la possieda giÓ per natura propria (ci˛ che per GuÚnon invece Ŕ solo la prima delle tre fasi indicate, una "qualificazione"); poi che possa raggiungerla eccezionalmente con una brusca rottura di livello ontologico, avendo in mente soprattutto il Satori del Rinzai Zen, e quindi senza poter prevedere del tutto il fenomeno stesso (la seconda fase guÚnoniana, che per˛ dipenderebbe dalla trasmissione virtuale o rituale). Infine, Evola ammette anche la possibilitÓ indicata da GuÚnon, ma con la riserva che oggi, secondo lui, nessuna organizzazione iniziatica sia pi¨ depositaria di vera influenza spirituale. Per GuÚnon, la terza fase sarebbe quasi burocratica, cioŔ una sorta di ascesa graduale verso la liberazione finale. Quello che non Ŕ chiaro Ŕ come possa la seconda fase indicata da GuÚnon costituire giÓ una forma di illuminazione, quando si tratta solo di un rito virtuale, sia pure fatto su una natura predisposta (qualificata). GuÚnon scriveva che "entrare nella via Ŕ l'iniziazione virtuale; seguire la via Ŕ l'iniziazione effettiva" ("Aperšus sur l'Initiation", Chacornac, Paris 1946). Per Evola, il rito di per sÚ non basta, se non Ŕ accompagnato dalla giusta coscienza.

Secondo GUENON:

"L'efficacia del Rito compiuto da un individuo Ŕ indipendente dal valore stesso di questo individuo in quanto tale; se l'individuo non possiede il grado di conoscenza necessario per comprendere il senso profondo del Rito e la ragione essenziale dei diversi elementi, questo rito non per tale motivo avrÓ meno il suo pieno effetto se, regolarmente investito della funzione di trasmettitore, egli lo adempirÓ osservando tutte le regole prescritte (...), di contro, la conoscenza anche completa del Rito, se Ŕ stata ottenuta al di fuori delle condizioni regolari, Ŕ interamente sprovvista di ogni valore effettivo, (...) nella Tradizione Ind¨, se il Mantra non Ŕ appreso dalla bocca di un Guru autorizzato, Ŕ senza alcun effetto, poichÚ non Ŕ vivificato dalla presenza dell' influenza spirituale di cui Ŕ destinato unicamente ad essere veicolo" (Aperšus sur l'initiation, cit.)

Secondo EVOLA:

"Non possiamo non esprimere il nostro dissenso preciso circa due punti. L' uno Ŕ che anche attraverso organizzazioni degradate si potrebbe ottenere qualcosa di simile ad una vera iniziazione. La continuitÓ delle influenze spirituali, secondo noi, Ŕ invece illusoria quando non esistano pi¨ rappresentanti degni e consapevoli in una data catena, e la trasmissione sia quasi divenuta meccanica. Esiste di fatto la possibilitÓ che le influenze veramente spirituali in tali casi si ritirino, per cui ci˛ che resta e che si trasmette Ŕ solo qualcosa di degradato, un semplice psichismo aperto perfino a forze oscure ..." (Cavalcare la tigre, Milano 1973).

Infatti, aveva giÓ scritto:

"L'ascesa pu˛ venire concepita come da una azione intrapresa dall'individuo coi propri mezzi, la quale pu˛ provocare la discesa e l'innesto in lui di una forza dall'alto (in questo caso un collegamento che pu˛ dirsi verticale o diretto, a differenza del collegamento orizzontale mediato da una catena iniziatica)" (L'arco e la clava, Milano 1971).

Ricordiamo come, per Evola, l'iniziazione o seconda nascita sia diventata necessaria solo in epoca relativamente tarda, da quando l'uomo non vive in contatto con il mondo spirituale, o, in altre parole, da quando gli dei non si mescolano pi¨ agli uomini, fermo restando, per evitare equivoci su ci˛ che Ŕ spirituale, che gli alchimisti indicavano come anima-zolfo "la forza solare-aurea" ovvero il mondo sovrannaturale, e chiamavano spirito-mercurio la "forza lunare-mercuriale" (su ci˛ cfr. J. Evola in 'La Tradizione Ermetica' I,12, Laterza, Bari 1931).

Ancora un diverbio esiste poi fra l'idea guÚnoniana che l'esoterismo non possa prescindere dalle pratiche exoteriche, in quanto il pi¨ deve necessariamente ricapitolare o contenere il meno, o in altri termini la "liberazione" debba comprendere giÓ la "salvezza", e invece l'idea evoliana che questo comporti il rischio di rifugiarsi dietro pratiche puramente formali se non ipocritamente borghesi.

I due autori erano pi¨ vicini nel valutare il misticismo. Per GuÚnon, esso era passivo e sentimentale, vedendo nel sentimento "un calore senza luce" e negando all' "estasi" una vera identificazione col Principio. Evola era abbastanza d'accordo, ma considerava per il "miste" almeno la possibilitÓ di una iniziazione ai Piccoli Misteri, inerenti le forze dionisiache della natura. Anche la magia, per la sua connotazione attiva, non spiaceva all'Italiano, mentre il Francese la considerava esclusivamente un potere sulle "influenze erranti" di tipo medianico o infero.

GuÚnon negava anche la possibilitÓ di un ricollegamento iniziatico di tipo "ideale", considerandolo pura illusione. Evola era d'accordo solo se con quel termine si intendeva qualcosa di puramente mentale, precisando:

"Altrimenti stanno le cose nei riguardi delle possibilitÓ di una evocazione effettiva e diretta sulla base del principio magico delle corrispondenze analogiche e sintoniche" ("Sui limiti della regolaritÓ iniziatica", Introduzione alla Magia III, Mediterranee, Roma 1971).

Pi¨ genericamente, la definizione, non di iniziazione, ma di Tradizione ha trovato i due autori perfettamente d'accordo. Per Evola si tratta di una trasmissione da parte di una "trascendenza immanente" per cui "una forza dall'alto abbia agito nell'una o nell'altra area, o nell'uno o nell'altro ciclo storico, in modo che i valori spirituali e superindividuali costituissero l'asse e il supremo punto di riferimento per l'organizzazione generale, la formazione e la giustificazione di ogni realtÓ e attivitÓ subordinata e semplicemente umana" ("Che cos'Ŕ la Tradizione", Il Conciliatore 1971). Il "metodo" tradizionale consiste dunque nello scoprire:

"L'unitÓ trascendente riposta delle varie tradizioni" (ů). Si possono distinguere due aspetti della Tradizione, l'uno riferendosi ad una metafisica della storia e ad una morfologia delle civiltÓ, il secondo ad una interpretazione 'esoterica', ossia secondo la dimensione in profonditÓ, del vario materiale tradizionale" (ibid.).

GuÚnon, pur pi¨ interessato al lato dottrinale, conferma l'unitÓ essenziale e fondamentale di tutte le tradizioni:

"Una tradizione completa pu˛ comprendere aspetti complementari e sovrapposti, i quali, riferendosi a domini essenzialmente distinti, non possono essere in contraddizione, nÚ entrare in conflitto l'uno con l'altro" ("Introduction gÚnÚral Ó l'Útude des doctrines hindoues", RiviŔre, Paris 1921).

Inoltre:

"Ogni tradizione contiene, sin dall'origine, tutta intera la dottrina, comprendendo in principio la totalitÓ degli sviluppi e degli adattamenti che potranno legittimamente procederne nel corso dei tempi, cosý come le applicazioni cui essa pu˛ dar luogo in tutti i domini" ("Le RÚgne de la quantitÚ et les signes des temps", Gallimard, Paris 1945).

Riguardo invece la dottrina delle razze e la Tradizione, GuÚnon non era particolarmente interessato all'argomento, ma sembrava pensare che dalle quattro caste originarie si fossero evolute le razze stesse:

"Come ogni razza ed ogni trib¨ formava una classe sociale che esercitava una categoria di funzioni determinate, allo stesso modo, in un corpo vivente, ciascun organo esercita la sua propria funzione, Ŕ naturale che gli uomini, al principio di ciascuna organizzazione, si siano raggruppati secondo le affinitÓ delle loro nature individuali. Poco a poco, le differenze fra questi gruppi si sono accentuate e fissate, in modo da prendere il carattere di distinzioni etniche, che non avevano prima; Ŕ lÓ un' origine molto verosimile, se non per le razze primordiali, almeno per le razze secondarie che si sono formate in seguito" ("L'archeometre", in La Gnose, 1910-12, con lo pseudonimo di PalingÚnius, probabilmente scritto in collaborazione con A. Thamos).

Per Evola, invece, caste e razze primordiali coincidevano: un punto essenziale. En passant, si pu˛ notare che lo stesso Evola ha scritto come non fosse casuale il fatto che solo a Sparta le caste fossero tre e non quattro: quella pi¨ nobile essendo costituita da un amalgama di guerrieri e sacerdotiůriconfermando come le due vie non siano nÚ in contrasto, nÚ in competizione.

Sappiamo poi cosa Evola pensasse dell'Ebraismo internazionale, ma meno noto Ŕ il fatto che, da giovane, anche il metafisico francese, quando ancora usava lo pseudonimo di "Sphynx", non fosse particolarmente tenero sull'argomento (cfr. R. GuÚnon, "Riflessioni a proposito del potere occulto", in "La Tradizione e le Tradizioni", Mediterranee, Roma 2003, originariamente pubblicato nel 1914 su "La France Antimašonnique"), ma quelle idee sono poi misteriosamente impallidite.

Del resto, dopo la guerra, Evola ha scritto di non aver pi¨ insistito sull'ebraismo perchÚ quella mentalitÓ era ormai comune anche alla cosiddetta razza ariana, ed insistere a trovare capri espiatori parziali, sarebbe stato a quel punto solo una scusa. Addirittura, ha persino mostrato quasi di stimare lo spirito gregario e la fierezza per le proprie radici razziali degli Ebrei, ma, ovviamente, lo ha segnalato ironicamente, per stimolare una reazione da parte dei cosiddetti Ariani d'oggi !

Come nel caso della ginecocrazia, da cui lo stesso Evola ha messo in guardia, ma in cui solo se il maschio si fa pecora, la femmina diventa lupo, cosý, nel misconoscimento della propria razza e in quello delle proprie radici tradizionali, nell'EtÓ del Lupo la tenebra avanza quando la luce si Ŕ ridotta, mai per il motivo opposto.

GuÚnon pensava che l'Occidente rappresentasse ormai una minaccia per l'Oriente, tuttavia anche L'Oriente sembra rappresentare una minaccia altrettanto grave per i resti dell'occidente. Evola l'aveva segnalato, trattando della civiltÓ greco-romana minacciata dai culti orientali. Del resto, non bisogna dimenticare che se l'Occidente ha sviluppato la sua civiltÓ tecnologica attuale, ci˛ dipende soprattutto dall'influsso dei filosofi arabi nel Medio Evo. Lo stesso GuÚnon ha scritto infatti che l'occidente dovrebbe essere grato agli Arabi per aver introdotto le scienze logico-matematiche in Europa (vedi "Aperšus sur l'ÚsotÚrisme islamique et le Taoisme, Gallimard, Paris 1969). Considerava l'opera di Dante influenzata dal Sufismo, cosa possibilissima, visto il ruolo di quest'ultimo nell'introdurre in Europa l'amor cortese, in concomitanza con le crociate, tuttavia GuÚnon non sembra aver apprezzato quanto Evola lo spirito ghibellino del poeta fiorentino.

E' chiaro che GuÚnon non condivideva nemmeno l'imperialismo pagano dell'Italiano, malgrado abbia riconosciuto il ruolo positivo di Virgilio nella commedia dantesca. Non stimava fra l'altro nÚ la civiltÓ greco-romana, nÚ certi moderni epigoni italici, come Cagliostro o Kremmerz, pur restando in buoni rapporti epistolari con gente come Reghini o Armentano. Meno ancora apprezzava le operazioni magiche a cui si sarebbe ispirato il Gruppo Ur.

Quanto al Cristianesimo, nato dall'albero semitico, per Evola era il principale responsabile della sconsacrazione della natura occidentale, anche per l'inversione di atteggiamento che invece di spingere l'uomo a divinizzarsi, preferisce accettare che sia Dio a discendere compassionevolmente, facendosi uomo. GuÚnon invece non ha mai imputato questo ad influenze semitiche, anzi, sembrava quasi considerare il Cristianesimo come una tradizione tipicamente occidentale, e non di derivazione giudaica, come supposto da Evola, perchÚ secondo lui la trasformazione del cristianesimo in religione exoterica e cattolica sarebbe stato provvidenziale, altrimenti il mondo occidentale sarebbe rimasto senza alcuna Tradizioneůdel resto, su una restaurazione della religione di Roma e del suo spirito imperiale, lo stesso Evola aveva poi perso ogni speranza.

In una lettera a Marius Lepage del 1946, GuÚnon scrive, forse in modo sorprendente:

"E' certo che solo nel Cattolicesimo si sia mantenuto ci˛ che ancora sopravvive, malgrado tutto, dello spirito tradizionale in Occidente. Sembra che in Occidente non ci sia pi¨ che una sola organizzazione che possieda un carattere tradizionale e che conservi una dottrina suscettibile di fornire al lavoro di cui si parla una base appropriata: Ŕ la Chiesa Cattolica" (Citato da Jean Reyor in "Sur la route des Maitres Mašons", Traditionnelles, Paris 1989).

Presumendo fosse un riferimento a certe vestigia di un esoterismo gnostico, resta da spiegare perchÚ il metafisico Francese non rest˛ allora cristiano, convertendosi all'Islam, religione che definý intermediaria fra Oriente e Occidente. Certo, lui stesso aveva affermato che, data l'unitÓ primordiale sottostante le varie tradizioni, trasferendosi in Egitto, era giusto per rispetto dell'ambiente che lo ospitava se non al 'genius loci', assumerne le forme rituali (chissÓ cosa ne penserebbero oggi gli immigrati islamici in Europaů). Noi sappiamo che questa spiegazione non chiarisce tutto, infatti GuÚnon si era convertito all'Islam fin dal 1911 (Reyor), anni prima di trasferirsi nella terra dei Faraoni, mantenendo segreta la cosa persino alla sua prima moglie. Nel 1938, in una lettera a P. Collard, GuÚnon dichiara addirittura di essere collegato ad organizzazioni iniziatiche islamiche da trent'anni.

Il fatto che un massone sia stato accolto con disinvoltura in Egitto, in una setta Sufica, dimostra che la massoneria, apparentemente fuori legge perchÚ considerata sionista, era proibita solo formalmente, e certo non per l'aristocrazia mussulmana. Oggi poi, le logge massoniche, benchÚ "coperte", sono pi¨ che vitali in Egitto, nel Magreb, e altrove. La Gran Loggia d'Italia, ad esempio, ha una sua sede a Beirut.

Evola ha comunque sempre considerato GuÚnon un maestro; e il metafisico francese, nel 1928, ha definito lo stile evoliano "di fuoco gelido", in una lettera a Pierre Pascal; ma, pur nella stima reciproca che non venne mai meno, qualche problema di ego ogni tanto deve essere emerso nei due grandi dell'esoterismo, e che neppure Evola ne fosse totalmente immune, lo dimostra un altro suo controverso rapporto, quello col massone Arturo Reghini, che aveva accusato un collaboratore della rivista Ur di plagio, costringendo Evola a cambiare il nome della rivista in Krur, per evitare ulteriori polemiche. In realtÓ, c'erano dietro anche altre divergenze. Prima di tutto una donna, Sibilla Aleramo (pseudonimo di Rina Faccio), lasciata da Evola, e prima della sua futura relazione con Giulio Parise, aveva raccontato a Reghini per ripicca certi banali pettegolezzi, come il fatto che Evola avesse firmato alcune poesie e lettere giovanili come "Jules" Evola. Cosa mai ci fosse di vergognoso in questo vezzo non si sa, ma sta di fatto che Evola neg˛ la cosa, anche se vera, come dimostra per esempio una lettera inviata all'editore Gobetti di Torino nel 1925. Evidentemente, l'atteggiamento di Reghini cominciava a far perdere ad Evola la sua proverbiale calma olimpica, spingendolo a dire che quell'uomo era stato solo sopportato, proprio per la sua appartenenza alla massoneria, che fra l'altro, in quel periodo storico mussoliniano, avrebbe potuto benissimo essere denunciata. Questo se si vuole una ulteriore conferma della divergenza fra Evola e GuÚnon proprio sulla massoneria, (per i particolari, si veda Renato Del Ponte, "Evola e il magico gruppo di Ur", Sear, Borzano R. E. 1994).

Fondamentalmente, quello che probabilmente non era piaciuto a Reghini, era stato il fatto d'aver scritto un articolo, "Imperialismo Pagano", il cui titolo Evola aveva adottato per il suo noto libro, libro che avrebbe voluto scrivere proprio Reghini, e questo senza che Evola avesse chiesto il permesso all'altro, anche se lo aveva citato nel corpo del testo. "Metter˛ a posto vari individui, tra gli altri Evola, il quale col suo 'Imperialismo Pagano' fa gran rumore e fa finta che io non sia neppure esistito", scriverÓ Reghini il 6 luglio 1928.

Evola rispose che nella Tradizione non c'era il brevetto o l'esclusiva delle definizioni. Reghini tent˛ allora di portare Evola in tribunale per plagio, e questo Ŕ certo pi¨ un problema di ego fra i due piuttosto che una diversa interpretazione della Tradizione. A rendere pi¨ acido Reghini, nel 1929, ci si mise anche Cesare Accomani, alias Zam Bothiva, con un libro, Asia Misteriosa, relativo ad un misterioso oracolo medianico, quello dei Polari, in cui fu coinvolto brevemente anche GuÚnon, che poi lo sconfess˛. Nel libro si cita anche Reghini, che non deve aver apprezzato affatto d'essere stato tirato dentro la cosa.

Sempre a proposito di pettegolezzi, anche il Francese, che allora era vedovo, ebbe un infortunio con Madame Dina (M. Shillito), figlia del magnate delle ferrovie canadesi, e vedova di un ricco ingegnere egiziano, Hassan Farid Dina, anche occultista. Sembra che la donna fosse piuttosto isterica (o medianica?) per una meningite infantile. Inoltre, il marito era morto per cause ignote su una nave, nel golfo di Suez, e la pagina di quel giorno preciso era stata strappata dal diario di bordo... Un vero "noir".

Nel 1930, GuÚnon parte per l'Alsazia per una vacanza con la compagna, che gli promette entusiasticamente di finanziargli una casa editrice sua. Allo scopo di procurarsi manoscritti da tradurre dall Arabo, GuÚnon e la donna si recano in Egitto, ma, dopo pochi mesi, Madame Dina ritorna in Francia, lasciando GuÚnon da solo, per motivi ignoti. A questo punto succede il peggio. Presso le edizioni Vega, la vedova incontra Ernest Britt, molto pi¨ anziano di lei, ha un colpo di fulmine, e i due si sposano. Britt era persona vicina a Oswald Wirth e Pierre Piobb, da sempre piuttosto ostili a GuÚnon, anche per certe sue recensioni a loro lavori. Il nuovo marito convince dunque la consorte a cambiare progetti ed investimenti, e soprattutto a negare il futuro stipendio a GuÚnon. A questo punto, probabilmente amareggiato, giÓ reduce dalla delusione legata alla propria nipote quattordicenne, futura suora, il cui affidamento gli era stato tolto bruscamente per mancanza di una figura materna in famiglia, il Francese decide di restare definitivamente in Egitto, dove, dopo un periodo in cui sarÓ ridotto quasi alla fame, chiederÓ in sposa la figlia pi¨ giovane dello Sheikh Mohammed Ibrahim, un commerciante, che gli concederÓ per˛ di sposare solo la pi¨ anziana, Fatma. I coniugi continueranno a pagare l'affitto di "Villa Fatma" finchÚ un ricco Ebreo-Inglese, fervente discepolo di GuÚnon, John Levy, non la comprerÓ per regalarla al "maestro". Poco dopo, per˛, Levy incontrerÓ in India un guru pi¨ utile, ostile a GuÚnon, abbandonando definitivamente quest'ultimo. Fra l'altro, dopo la morte del Francese, il 7 gennaio 1951, i preziosi 3000 volumi della sua biblioteca, valore un milione di franchi francesi d'allora, sarÓ venduta dalla vedova, dovendo mantenere due figlie pi¨ un terzo in arrivo, e che nascerÓ in maggio.

Per tornare ancora ad Evola, sappiamo che un altro affair femminile gli Ŕ stato attribuito, quello di una relazione tantrica con Maria De Naglowska, la quale rest˛ a Roma per cinque anni, dal 1921 al 1926, lavorando al quotidiano "L'Italia" (secondo alcuni, come Pluquet, la De Naglowska conosceva ben dieci lingue). Dato che essa fece una revisione del "Poema a quattro voci" firmato come Jules Evola, e che una propria poesia del 1927, "Le message de l'Etoile Polaire", fu inserita da Evola su Ur, se ne pu˛ dedurre che la relazione fra i due fosse basata sull'allora comune interesse per la poesia. Massimo Introvigne si sofferma per undici pagine sull'argomento ne "Indagine sul Satanismo", Mondadori, Milano 1994, con qualche maligna insinuazione.

Si Ŕ anche immaginato che Evola abbia avuto rapporti con Aleister Crowley o addirittura abbia fatto parte dell'OTO, nella sua sezione tedesca facente capo a T. Reuss, ma non ci sono prove al riguardo. In realtÓ, in Italia Evola fu criticato soprattutto nell'ambiente massonico-pitagorico legato alla rivista "Politica Romana" proprio per aver definito Crowley un adepto.

Su certi retroscena non Ŕ possibile andare oltre, se lo stesso GuÚnon ha dichiarato che persino nell'affaire Taxil-Diana Vaughan, e poi in quello dell' "Elue du Dragon", Clotilde Bersone, non tutto fosse semplice e burlesco come poteva sembrare in apparenza. Paradossalmente, se Evola ammetteva una terza dimensione della storia e la realtÓ di Protocolli e guerre occulte, era per˛ scettico su molti argomenti Ó la Pauwel et Bergier, come Hitler e le societÓ segrete, Hitler e il Drago Verde, Hitler come Golem manovrato dagli Ebrei, e cosý viaů Viceversa, GuÚnon sembrava ben pi¨ convinto che qualcosa di satanico tramasse nell'ombra, la cosiddetta contro-iniziazione.

Com'Ŕ noto, anche in morte questi due uomini si sono distinti. GuÚnon sepolto nella tomba di famiglia del suocero al Cairo; le ceneri di Evola, cremato dopo alcune spiacevoli peripezie, inserite in un crepaccio del ghiacciaio del Lyskamm, Monte Rosa, nella Valle Perduta delle leggende "walser".

Ci˛ che si pu˛ desumere da certe ombre, Ŕ che anche i grandi uomini non sempre possono controllare il proprio ego, ed Ŕ forse per questo che Evola si Ŕ schierato contro il culto dell'individuo, soprattutto quello nell'umanesimo rinascimentale, che col focalizzare l'interesse per il genio personale, ha distolto dal rapporto spirituale con ci˛ che sta pi¨ in alto, nonchÚ dal vero spirito classico, che appunto Evola ci ricorda, citando Virgilio:

"Reggere con l'imperio i popoli, questo, o romano, ricordati, sia il tuo ideale, non le arti, non le lettere, tale Ŕ l'idea complessiva del testo virgiliano, perfettamente aderente all'idea spartana, antiumanistica, eroica e rigidamente etica del periodo catoniano" ("Stile classico e classicismo", "I Testi de La Stampa", Ar, Padova 2004).

Lo stesso Evola aveva giÓ chiarito, quasi a se stesso, i limiti dell'individualitÓ, scrivendo:

"Come punto di partenza, va di nuovo fatto presente che l'individualitÓ della gran parte degli uomini Ŕ una finzione, la loro stessa unitÓ essendo quella fittizia e precaria di un semplice aggregato di forze e di influenze che in nessun modo essi possono considerare come loro proprie..." (J. Evola, con pesudonimo Ea, "Sulla Dottrina del corpo Immortale", Ur 1927).

Per Evola, non l'uomo comune ama, odia, ha paura o sente pietÓ, ma l'amore ama in lui, l'odio odia in lui, la paura teme in lui, la pietÓ nasce in lui, e tali entitÓ o daimones esistono anche in una nazione, una religione, un'istituzione. In veritÓ, GuÚnon non aveva idee molto diverse, avendo dichiarato che se l'etichetta o entitÓ chiamata RenÚ GuÚnon era di troppo, prima o poi avrebbe provveduto a sopprimerla.

Per sintetizzare divergenze e convergenze fra le due vie, vorrei citare la lettera di uno studioso del buddhismo che mi pare adeguatamente equilibrata:

Quando Evola parla di ascesi guerriera intende lo stile con cui il guerriero affronta la spiritualitÓ, anche se va ad isolarsi in una caverna innevata come Milarepa. GuÚnon ha invece in vista solo la funzione, dando preminenza alla funzione spirituale su quella di governo. La prima la attribuisce alla casta sacerdotale, la seconda a quella guerriera.

Se la funzione spirituale viene svolta da un guerriero (ad esempio il Tenno in Giappone) questa funzione non cessa, per lui, di avere la preminenza. Il caso del Re-Sacerdote, secondo GuÚnon, non inficia la preminenza della funzione spirituale su quella dell'azione, anche se sono riunite in un'unica persona. Quando parla di "rivolta degli Kshatriya" ha in vista probabilmente un tipo di guerriero non pi¨ spirituale, bensý semplicemente rivolto all'azione e che pretenderebbe di esautorare la spiritualitÓ in nome dell'agire nel mondo. Evola ha in vista l'uomo, GuÚnon la funzione
(A.M.).

Concludendo sulle due vie, Ŕ chiaro che le strade che conducono al Risveglio o a quella Patria Celeste a cui fa riferimento Evola, sono apparentemente diverse in lunghezza e difficoltÓ, ma solo perchÚ passano attraverso la nostra individualitÓ fisica.

 

Da: http://www.juliusevola.it/documenti/template.asp?cod=628

 

TORNA SU